Simply enter your keyword and we will help you find what you need.

What are you looking for?

Good things happen when you narrow your focus
Welcome to Conference

L’ingresso a tutti gli eventi è libero fino ad esaurimento posti.

È consigliabile prenotarsi online, per tutti gli incontri, a partire dal 13 febbraio.
Le prenotazioni online si chiuderanno il 23 febbraio alle ore 13:00.

I biglietti per gli eventi del Festival a ingresso gratuito che si svolgeranno presso il Teatro Bellini si potranno ritirare a partire dal 23 febbraio presso il botteghino del teatro, nei seguenti orari: dal lunedì al sabato 10:30-13:30/16:00-19:00; domenica 10:30- 13:00.

Per l’ingresso in sala, in tutti i luoghi del Festival, verrà data la precedenza a chi è in possesso di prenotazione, che ha validità entro mezz’ora prima dell’inizio dell’evento.

Programma provvisorio

Ore 11.00 - MUSEO MADRE

CAMORRISTI, NOSTRI VICINI .

IN QUESTIONE

GABRIELLA GRIBAUDI

Nonostante i traffici criminali, il radicamento e il controllo del territorio rimangono tra le caratteristiche precipue della camorra napoletana. Quali le zone di contatto con i vicini? I confini? Le percezioni degli abitanti non coinvolti nelle reti criminali? Attraverso la documentazione giudiziaria e le testimonianze degli abitanti, emergono la configurazione dei rapporti all’interno dei quartieri e le sue trasformazioni nel tempo.

Prenotazioni chiuse.
Per l’ingresso in sala, in tutti i luoghi del Festival, verrà data la precedenza a chi è in possesso di prenotazione, che ha validità entro mezz’ora prima dell’inizio dell’evento.

Ore 11.00 - MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

IL PRIMO SCONTRO DI CIVILTÀ. GRECI CONTRO PERSIANI .

NOI E GLI ANTICHI

GENNARO CARILLO

L’identità europea si forma nel contrasto tra Oriente e Occidente quando la potenza militare dell’impero si scontra con l’astuzia politica della città. Una vicenda – tra storia e mito – che conosciamo attraverso Eschilo, Erodoto e Platone.

Prenotazioni chiuse.
Per l’ingresso in sala, in tutti i luoghi del Festival, verrà data la precedenza a chi è in possesso di prenotazione, che ha validità entro mezz’ora prima dell’inizio dell’evento.

Ore 11.00 - MUSEO DELLE ARTI SANITARIE

LA STORIA DELLA SOLIDARIETÀ E DELL’ASSISTENZA AI MALATI, AI DISABILI E AI DIVERSI NEGLI OSPEDALI ANTICHI DI NAPOLI

ORIZZONTI

GENNARO RISPOLI
a cura dell’Associazione Il Faro di Ippocrate

Dalle gravide alle prostitute, dai castrati agli ermafroditi, dai colerosi agli appestati, tutta un’umanità dolente ha sfilato nell’Ospedale degli Incurabili. Il primo ospedale del Sud del paese, primato che conservò sino al secondo conflitto mondiale, mai abdicando dalla missione della solidarietà e dell’accoglienza con artifici e metodi originali. La storia della carità, della scienza e dell’arte che aiuta a guarire nel segno della disponibilità e della beneficenza. Tantissimi i mercanti e gli aristocratici dei seggi della città che concorsero nella nobile gara di aiutare i deboli nel segno di ‘noi e loro’.

Prenotazioni chiuse.
Per l’ingresso in sala, in tutti i luoghi del Festival, verrà data la precedenza a chi è in possesso di prenotazione, che ha validità entro mezz’ora prima dell’inizio dell’evento.

Ore 12.00 - TEATRO BELLINI

NEMICI, CITTADINI, FRATELLI. UN VIAGGIO TRA LA GRECIA, ROMA E NOI .

NOI E GLI ANTICHI

IVANO DIONIGI

Nel suo discorso al Senato del 48 d.C. Claudio definisce la grandezza di Roma in termini di inclusione politica, culturale, religiosa e linguistica. Una visione molto distante da quella di Atene e Sparta e che crea le premesse per il messaggio illuministico ed evangelico.

Ore 12.00 - ACCADEMIA DI BELLE ARTI

NAPOLI, 1140. IL DUCA E IL NORMANNO .

IN QUESTIONE

AMEDEO FENIELLO

L’ultima ridotta bizantina in Italia ormai sta per crollare. Due mondi sono arrivati allo scontro finale. Quello greco, figlio di una tradizione millenaria. L’altro, dirompente, violento e scioccante, che piomba dal Nord Europa. Uno scontro nel quale il mondo più antico soccomberà.

Prenotazioni chiuse.
Per l’ingresso in sala, in tutti i luoghi del Festival, verrà data la precedenza a chi è in possesso di prenotazione, che ha validità entro mezz’ora prima dell’inizio dell’evento.

Ore 16.00 - MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI

QUANDO I BARBARI ERAVAMO NOI. ANNA COMNENA, BISANZIO E I CROCIATI .

GRANDI RACCONTI

SILVIA RONCHEY

LEZIONE ANNULLATA

Ore 16.00 - MUSEO MADRE

INGLESI E ITALIANI NELLA LENTE DELLA STORIA .

I MAESTRI

VANESSA ROGHI

Nell’aprile del 1976 la Rai organizzò un confronto sull’interpretazione del fascismo tra Renzo De Felice, autore di una monumentale biografia di Mussolini, e Denis Mack Smith, storico inglese noto al grande pubblico per la sua fortunatissima Storia d’Italia. Rivedere quel vivace conflitto di opinioni (e di stile) è l’occasione per capire le differenze tra il modo di fare storia in Inghilterra e da noi…

Ore 16.00 - ACCADEMIA DI BELLE ARTI

IL CALVARIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA. 1929-1984 .

ORIZZONTI

PAOLO NASO

«La religione cattolica, apostolica e romana è la sola religione dello Stato. Gli altri culti sono tollerati conformemente alle leggi». Questo articolo dello Statuto albertino è rimasto in vigore sino alla Costituzione repubblicana che postula che «tutte le confessioni religiose sono ugualmente libere davanti alla legge». Ma ancora oggi solo il 90% dei ‘non cattolici’ gode di un pieno riconoscimento da parte dello Stato.

Ore 17.30 - TEATRO BELLINI

COSMOPOLITISMO, DA ANTIFONTE ALL’UNIONE EUROPEA .

IN QUESTIONE

LUCIANO CANFORA

È antichissima la rivendicazione, sul piano filosofico e scientifico, dell’unità del genere umano e il conseguente ripudio dei pregiudizi razzistici (non di rado omicidi). È il frutto dell’illuminismo antico, cioè della sofistica. La visione cosmopolita della cittadinanza oggi viene calpestata quasi dovunque: anche nella patria del moderno illuminismo.

Ore 20.00 - TEATRO BELLINI

BEETHOVEN E LA MUSICA POPOLARE - BEETHOVEN E IL CANTO POPOLARE EUROPEO .

IL TEMPO DELLA MUSICA

GIOVANNI BIETTI

I giovani cantanti del Conservatorio di San Pietro a Majella si cimentano nel desueto repertorio ‘popolare’ beethoveniano, offrendo uno spaccato eccentrico della scrittura del grande compositore nel duecentocinquantesimo anniversario della nascita.
A seguire si terrà, sempre al teatro Bellini, la lezione di Giovanni Bietti.